LA TESTIMONIANZA DI DORA ZAGATI

Come puoi essere capace di fidelizzare al massimo una cliente?

Se non fidelizzi te stessa per prima cosa, allora il meccanismo è inceppato alla radice.

Pensi di poter riuscire a portare altre donne alla rinascita, a costruire la miglior versione di sé stesse, ma la verità è che se tu prima non lo sei, la tua miglior versione, perchè qualcuno dovrebbe crederti e mettersi nelle tue mani?

Ce l’hai l’argento vivo addosso?

Sprizzi vitalità dalla voce ed energia dal tuo corpo?

Sei motivata e fiera della tua vita, della tua carriera, di TE, come donna?

Sono Dora, una Fitness Coach che ha studiato all’alba della prima Accademia.

Mentre noi calpestavamo la strada ancora fresca, c’era qualcuno, un passo avanti a noi, che la stava costruendo.

Ero entusiasta e spaventata allo stesso tempo di quella che sarebbe stata poi, per me, l’opportunità più bella della mia vita.

Solo che all’epoca non sapevo quanto avrei dovuto sbattere la testa contro il muro, motivarmi da sola, cercare di capire il perchè non riuscivo a decollare.

Mi soffermavo sulle mie incapacità, avevo giornate nere di delusioni e mi coprivo con un mantello di tristezza pensando di non essere all’altezza.

Non sprizzavo né gioia, né motivazione, né vitalità.

Probabilmente il fatto di essere stata viziata, di aver avuto tutto facilmente, durante la mia infanzia, ha creato in me delle crepe caratteriali.

L’Accademia mi è servita per limarmi via di dosso quell’insicurezza che ancora aleggiava su di me.

Fu una doccia fredda.

Cercavo di tirare fuori le palle che non avevo.

Avrei dovuto tirarle fuori.

Cosi piano piano mi misi a lavorare su me stessa.

Tirai una riga tra i miei punti forti e quelli deboli.

Entrai nelle curve della mia anima e feci amicizia anche con lati del mio carattere a me ancora oscuri.

Oggi so benissimo chi sono, ho i miei principi e guai a chi me li calpesta.

A proposito di principi, ebbi una discussione con Andrea.
Probabilmente mi serviva un’ennesima sberla, ero ancora chiusa nel mio guscio.

Una discussione forte e accesa per la sottoscrizione di una cliente.

Era la mia cliente. Era il mio lavoro. Erano le mie fatiche. Pensavo.

A parer mio lui voleva portarmela via, mentre tutto il lavoro dietro le quinte era stato fatto da me.

Mi sentii triste e sopraffatta.

Dentro di me gridava la voce: adesso ti faccio vedere io chi sono.

Continuai a seguire quella cliente in modo impeccabile, lei non doveva assolutamente percepire la gravità della discussione che era successa.

L’avevo portata ad XWOMAN, l’avevo portata ad amare questo stile di vita, l’avevo portata ad essere un toro con le palle quadrate e dall’amore per il bilanciere, all’Accademia, il passo fu breve.

XWOMAN era entrata nella sua vita in modo prepotente.

Ti cambia la vita, ti da un motivo per sorridere, ti costringe a prenderti del tempo per te e poi tu, di quel tempo, non puoi più farne a meno.

L’allenamento e la vita sana diventa l’estensione di te stessa.

Cambi il modo di cucinare, cambi il mindset, cambi la routine della tue giornate e la cosa bella è che lo fai senza che sia un peso, ma puro piacere.

Quando ti accorgi di essere cambiata così tanto ti accorgi anche che vorresti urlarlo al mondo, vorresti prendere la mano di tutte quelle donne che credono e pensano di non uscire dal tunnel della loro routine.

Quello è il momento che segna definitivamente la tua vocazione a diventare una perla del firmamento delle donne cazzute che si sono forgiate come Fitness Coach di un movimento unico.

Ti parlo delle Fitness Coach di XWOMAN.

Quella vocazione prende il sopravvento ed inizi a studiare.

Ancora una volta cambi la tua routine per far posto a del tempo per studiare, imparare, crearti un nuovo ed esaltante futuro.

Premetto che sono sicura, essendo donna come voi, che abbiamo un sesto senso, tanto che è raro sbagliarsi sulla nostra prima impressione.

Cerco sempre di parlare con un’ipotetica cliente, sia per lei, sia per me.

Se entriamo in quello stato di empatia tanto caro a noi donne abbiamo fatto bingo.

Non sto parlando di falsa empatia, quella lasciamola pure a ciarlatani e meschini.

Come donne abbiamo tutte un punto in comune con un’altra, sta a noi capire quale.

Oltre all’allenamento sicuramente qualcos’altro c’è, sta a noi sondare, scavare, fare le giuste domande e soffermarci laddove capiamo che possiamo andare oltre.

A volte basta uno sguardo complice ma per telefono è difficile, cosi entra il gioco il colore (e calore) della voce.

Lo sapevi che ci sono studi che attribuiscono un colore ad ogni tono di voce?

Se non puoi donare un sorriso o contraccambiare uno sguardo puoi sempre far leva sulla voce.

Il tono caldo, avvolgente, calmo e risoluto si usa per la partenza.

Cambiare il tono della voce durante la trattativa oppure mentre ti dico qualcosa che deve essere seguito alla lettera, sarà di un colore diverso ed avrà un tono molto più severo.

Le donne ricordano i colori.

Attribuiamo colori ad ogni ricordo e più quel colore si avvicina al rosso maggiore sarà il fatto di aver fatto centro ed essere ricordati.

Capita spesso che io e le donne che seguo abbiamo qualcosa che ci accomuna e ridiamo spesso insieme.

Dio quanto mi piace arrivare a conoscerle e capire prima le loro mosse.

Per fidelizzare una cliente ci vuole tempo, pazienza ed empatia.
Attenzione però: per essere empatici non intendo essere falsi, quello mai!

Ricordati che noi donne sentiamo la verità.. ci pizzica tra la pelle.

Non sempre troviamo chi è pronta ad accoglierci a braccia aperte, oppure segue i nostri consigli alla lettera, ma se facciamo in modo di far percepire la nostra autorità in materia, allora è fatta.

Per fidelizzare una cliente la prima cosa è far si che si fidi di noi.

La fiducia è una perla rara, molte donne sono restie nel credere alle nostre parole, mettono in dubbio ogni cosa, sono state ferite per averla donata alle persone sbagliate ed il risultato lo pagano sempre le persone a venire.

Quando una donna ti crede, cerca la verità, vuole sapere tutto ed è curiosa, entra in quel sano tunnel di curiosità che la sprona a dare sempre il meglio di sè.

Siamo animali assetati di conoscenza.

L’allenamento diventa la cura alle nostre paure, crescono i muscoli e con loro cresciamo anche noi come persone.

Per noi coach i feedback sono di fondamentale importanza perchè ci permettono di capire molte cose della cliente che abbiamo davanti e di conseguenza di relazionarci nel modo migliore.

Essendo l’allenamento una fuga dalla nostra realtà quotidiana, di donne con mille cose da fare, ci liberiamo e spogliamo dei pensieri.

Il rapporto con l’allenamento viene visto come il sollevamento dei problemi del giorno e spingendo i pesi, spingi via le tue paure.

Dora
Fitness Coach XWOMAN

VUOI DIVENTARE UNA FITNESS COACH DI XWOMAN?

Se vuoi diventare una Fitness Coach di successo, posso aiutarti a farlo. L’Accademia di XWOMAN è creata per questo.

Come un percorso di COACHING e FITNESS SCIENTIFICO, votato a renderti un’allenatrice e una motivatrice in grado di cambiare la vita a migliaia di donne.

Possiamo capire insieme se questo percorso è adatto a TE!

Lascia il tuo nome, cognome, e-mail e numero di telefono in questo form e ti farò contattare entro 24 ore da un membro del mio staff, al fine di capire se l’Accademia di XWOMAN è ciò che il destino vuole per te, e se è ciò di cui hai davvero bisogno per realizzare i tuoi sogni!


 

Ivan Orizio
Fitness Coach e Creatore di XWOMAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

ARTICOLI CORRELATI

Menu